Il percorso di una Recruiter

Spesso si sente una forte ostilità tra la figura del Recruiter e quella del candidato e, negli ultimi tempi, si sente spesso parlare di rapporto tra giovani e stage e di come le aziende ne approfittano di questo potente strumento che, invece di essere utilizzato in maniera razionale e con cognizione di causa con lo scopo di INSEGNARE e di OFFRIRE un bagaglio di esperienza professionale al giovane stagista, viene utilizzato come strumento di sfruttamento.

Daria Martini, HR di Bluecube, ci ha dedicato il suo tempo per poterci mostrare che anche lei, come tanti altri giovani, ha iniziato il suo percorso come stagista e di cosa ne pensa di questo strumento. 

Daria, tu che sei la responsabile HR,  secondo il tuo punto di vista, è indispensabile iniziare una carriera come stagista?  

Non è indispensabile, lo stage se usato bene è uno strumento utile per formare una persona che magari si è appena diplomata o laureata. Lo stage permette alla persona di iniziare un percorso di formazione che poi potrà continuare nell’apprendistato; una cosa che molti non sanno, lato contrattuale, è che i sei mesi di stage possono rientrare all’interno del contratto di apprendistato (anche se fatto dopo lo stage), così l’apprendistato diventa di 30 mesi non di 36 e la persona è un po’ come se fosse sempre stata in apprendistato”. 

Cosa ne pensi di giovani molto competenti che si trovano a dover accettare stage per le condizioni che oggi giorno il mercato del lavoro offre e quali sono le soluzioni che, secondo te, sarebbe bene prendere per evitare che il fenomeno diminuisca?

Che cosa intendi per giovani molto competenti? Persone con esperienza o semplicemente laureati o diplomati con il massimo dei voti? “

Intendo persone che sanno e che sono coscienti di quanto davvero vogliano mettersi in gioco dimostrando le proprie competenze e che, anche se non hanno ancora acquisito alcune competenze, si mettono di impegno per imparare anche se sbagliano, che chiedono, che si informano, che si fanno domande e che cercano risposte.
Poi ci sono anche quei giovani che fanno esperienza all’estero, Erasmus, Internship, Università, che parlano anche due o tre lingue in modo fluente, che hanno già avuto esperienze lavorative, che hanno fame di arrivare a raggiungere una posizione lavorativa adatta alle loro condizioni personali, che devono accettare per forza lo stage perché magari manca loro un requisito o due della Job Offer.

“Il problema di fondo è sempre quello, lo stage viene usato in modo sbagliato, le aziende ne approfittano, te lo dice una che ha fatto un anno e sei mesi di stage in aziende diverse; ne approfittano, e ne approfittano proprio perché i candidati non dicono mai NO!
Logicamente qui stiamo parlando in linea generale, poi logicamente entra in campo il bisogno di lavorare e altri mille fattori nel perché tutti dicono di sì allo stage.
Ti riporto la mia esperienza: io come ti ho detto ho fatto un anno di stage in una società generalista, nell’ufficio selezione eravamo in 4 tutte/i stagisti e mandavamo noi avanti il tutto.
Questo non è giusto, significa approfittare di una tipologia di contratto che non ti da costi.
Io ho fatto 6 mesi di stage (che poi alla fine mi hanno fatto rientrare nel contratto di apprendistato)  in cui ho studiato giorno e notte per imparare tutte le cose informatiche, mi è servito? Assolutamente si; avrei imparato uguale anche se mi avessero fatto un altro contratto? Certo; allora qual è il vantaggio? I vantaggi ci sono da entrambe le parti, ovvero:

 1) Non si è vincolati (da entrambi le parti) non ti piace, te ne vai, non piaci a loro ti lasciano a casa in maniera molto facile

2) L’azienda investe su di te già dal punto di vista di formazione ci può stare che risparmi sul contratto”. 

Quali potrebbero essere i rischi che l’Italia potrebbe incorrere nel momento in cui le aziende continueranno ad approfittarsi così di risorse valide. 

“Il discorso è molto ampio e complesso; l’Italia ha un grande problema ma non si chiama stage si chiama lavoro in nero; certo, i talenti fuggono, ma non tutti altrimenti significherebbe che noi che siamo in Italia siamo tutti scemi eheh.
La colpa non è delle aziende se i talenti fuggono, è colpa del costo dei dipendenti, è colpa dello Stato che non agevola le assunzioni, è colpa della burocrazia, è colpa delle tasse ed è anche colpa delle aziende.
Ci sono tante cose che non vanno in Italia. 
Noi abbiamo mille CCNL, mille regole per evitare i licenziamenti, mille giri burocratici, negli altri stati non è così; in Svizzera, in Spagna, in Germania ecc ci sono solo due contratti: determinato ed indeterminato e tutti e due si possono risolvere da un giorno all’altro.
In Italia siamo molto tutelati da questo punto di vista, fai prima a vincere la lotteria che non a licenziare una persona.
Per dare ad un dipendente 1300€ di netto l’azienda ne deve cacciare 2900€ al mese.
Che fine fanno questi 1600€? Tasse! Lo stage non è il male assoluto! Tutti ambiscono al contratto ma nessuno si pone la domanda, io quanto costo all’azienda? “